Sei in » Attualità
01/09/2016 | 16:47

Il Primo Cittadino di Galatone Livio Nisi ha deciso di scrivere a Claudio Palomba e al Commissario Straordinario di FSE a seguito delle numerose segnalazioni di cittadini che si sono trovati davanti al passaggio di un treno con le sbarre di sicurezza completamente alzate.


Un passaggio a livello con un treno in transito


Galatone. La notizia è rimbalzata per settimane e a testimoniarla c’erano foto e video registrati da automobilisti, pedoni e passanti. Più di qualcuno, cioè, ha sorpreso svariati passaggi a livello nel territorio di Galatone che, al transito dei convogli ferroviari, non presentavano le sbarre abbassate così da garantire la sicurezza.
  
Naturalmente le testimonianze hanno fatto il giro il web, invadendo i social network: ‘come si può nel 2016 assistere a tali cose?’, ‘la tragedia dei treni ad Andria non vi ha insegnato nulla?’, ‘finchè non ci scappa il morto non cambierà mai nulla…’. Questi solo alcuni dei commenti che hanno accompagnato le notizie.
 
A seguito delle ripetute segnalazioni, quindi, il Sindaco Livio Nisi ha inviato una missiva al Prefetto di Lecce e al Commissario Straordinario per le Ferrovie del Sud Est denunciando l'accaduto. ‘Sono stati altresì sollecitati gli organi territorialmente competenti – si legge nella nota diffussa dall’Amministrazione di Galatone – per risolvere il disservizio e il malfunzionamento dei passaggi a livello sulle tratte gestite da FSE nel territorio di Galatone onde scongiurare il rischio di incidenti e garantire la sicurezza dei cittadini e l'incolumità pubblica’.
 
Eppure la stessa Ferrovie del Sud Est ha diramato una nota di replica. ‘Anche se le sbarre non si abbassano, c’è un sistema di sicurezza che allerta il macchinista’. Questa, in breve la risposta fornita dell’ente ferroviario dell’estremo sud d’Italia. ‘Una replica - conclude l’ufficio del Primo Cittadino Nisi - che non ci sembra accettabile e non è sufficiente a tranquillizzare gli animi degli utenti della strada’.




Autore: A cura della Redazione

0 commenti inseriti
Hai gradito l'articolo? Commentalo! |